Iscriviti alla nostra newsletter!

Autorizzo il trattamento dei miei dati al fine di soddisfare la mia richiesta. I dati personali saranno trattati in conformità con le informazioni contenute nell’informativa sulla privacy *

Newsletter Aprile 2024

IL POTERE DEL PLACE BRANDING

Dopo aver esplorato il mondo dei sensi, torniamo a una dimensione più concreta con il Place Branding: non parliamo solo della creazione di un marchio per una città, una regione o una nazione, ma anche la trasmissione della sua storia, delle sue emozioni e delle diverse sensazioni che suscita. Si tratta di un processo complesso che coinvolge l'espressione visiva, verbale e comportamentale per posizionare un luogo nella mente del suo pubblico target in modo unico e attrattivo.

Se ci pensi, il concetto di Place Branding non è nuovo. Ha infatti radici che risalgono al tardo 1800, quando veniva utilizzato principalmente per scopi turistici (cartoline e illustrazioni di luoghi iconici). 

Tuttavia, oggi, con la globalizzazione e la crescente competizione tra città, regioni e nazioni per attirare risorse, investimenti e talenti, il Place Branding è diventato un elemento chiave per il successo economico e sociale dei luoghi. Esempi come IAMsterdam, Hollywood e New York dimostrano come un city brand ben costruito possa trasformare un luogo in un'icona globale, attrarre turisti, investimenti e attenzione mediatica.

Ciò, indirettamente, si lega poi al marketing territoriale, quindi ad azioni e strategie per la promozione diretta di un territorio... nello stesso territorio.


QUALCHE ESEMPIO

Due city brand particolarmente interessanti sono quelli di Porto e Bologna. La prima città è partita dagli iconici azulejos e ha realizzato diverse icone moderne per evidenziare luoghi e servizi. 

Stessa cosa fatta da Bologna (vedi, esistono buoni esempi anche vicino a noi), che ha utilizzato alcuni simboli iconici della città declinandoli in modo moderno per ogni luogo e servizio, trasmettendo l'idea di una città attrattiva e dinamica.


Ciò dimostra che, per essere veramente attrattivi e unici, serve
necessariamente un attento lavoro di studio e strategia. E questo, nei prossimi
anni, sarà sempre più importante.

Scrivici

Newsletter Marzo 2024

A quale senso parla il tuo brand?

Un brand, se progettato correttamente, vive e si esprime. Caratterizza quindi la propria identità con espressioni coerenti alla sensibilità del proprio target, e del posizionamento.

Per questo motivo, non è così inusuale parlare di 'espressioni sensoriali' del brand: pensiamo a come leghiamo alcuni brand food a profumi o odori degli spazi in cui li troviamo, o ai colori e le luci che 'ancorano' il ricordo di una marca in un supermercato.

In questa ottica, è fondamentale che il progettista del tuo brand sappia contestualizzare le sensazioni che lo accompagneranno, scegliendo i sensi da privilegiare nel suo racconto identitario. Come vedi, ben più di un tone of voice...


Sound Branding

Il Sound Branding è un processo strategico che prevede l’utilizzo di suoni e musiche distintive per creare un'identità sonora unica e memorabile per il brand. Ciò permette di aumentare notevolmente la riconoscibilità, creare connessioni emotive con il pubblico e differenziarsi dalla concorrenza.

C’è un esempio però che ci piace più di tutti: quello di Netflix. 

Il suono utilizzato alla comparsa del logo è ormai diventato iconico e iper-riconoscibile, tanto che due anni fa Netflix lo ha utilizzato per realizzare lo spot dedicato a Sanremo. Nello spot l'azienda ha utilizzato il suo “ta-dam” e un semplice copy “Quando una grande storia sta per iniziare, lo senti”. Qui puoi vedere ti cosa stiamo parlando.

Gli esempi non si fermano qui. Pensa per esempio a tutti gli spot legati al mondo dell'auto: troviamo spesso una voce distintiva che si ripete, insieme a un suono specifico alla comparsa del logo.


SCENT BRANDING

Il 75% delle emozioni provate nel corso di una giornata sono scatenate dagli odori. Questo perché il naso è collegato all’area del cervello in cui risiedono la memoria e le emozioni. In più, l’olfatto ha anche un’altra caratteristica: dopo un anno ricordiamo il 65% degli odori, mentre dopo 3 mesi solo il 50% delle immagini che abbiamo visualizzato.

Lo Scent Branding è quindi uno strumento davvero potente, in grado di dare un’identità unica e memorabile al brand, soprattutto in-store: studiare una fragranza personalizzata che identifichi i punti vendita, e rilasciandola in luoghi e momenti precisi, permette di generare diverse emozioni ai visitatori, favorendo la conversione e la fidelizzazione. E, come abbiamo visto, questa memorabilità è difficile da raggiungere con immagini o video.


Cerchi un modo per innovare il tuo brand attraverso
una strategia innovativa? Noi ci siamo.

Scrivici